Allenamento in gravidanza con i pesi, prima e dopo

Quando si affronta il periodo della gravidanza una donna assiste al cambiamento del proprio corpo. Un cambiamento organico che fa naturalmente riflettere, sia sull’importanza filosofica dell’ospitare una nuova vita, sia della fattispecie fisiologica. A cosa vado incontro? Tonerò come prima? Cosa posso fare per tenermi in forma?

I benefici dell’allenamento durante la gravidanza

Per quanto strano possa sembrare decidere di fare allenamento durante il periodo di gravidanza è corretto e salutare. Non solo l’esercizio fisico per dimagrire e riprendere la linea, ma soprattutto quello per tonificare, sentirsi meglio utilizzando i pesi.

Naturalmente il tutto va fatto secondo un protocollo, meglio se seguendo una scheda di allenamento promossa da un personal trainer esperto, che abbia già avuto a che fare con le future mamme. L’allenamento con i pesi e quello con le macchine in palestra è un buon punto di partenza. È ovvio che si può alzare qualche peso anche a casa e persino fare del corpo libero. Molte donne tendono a ritenere che allenarsi a casa, magari seguendo qualche videocorso su internet o in DVD, aiuti parecchio e non è affatto sbagliato. Importante è che si sappiano i rischi e si adottino le precauzioni del caso, per fare esercizi corretti durante il periodo di gestazione.

Ecco alcuni consigli basilari sull’allenamento in gravidanza

Prima di iniziare qualsiasi attività fisica meglio sentire il ginecologo che ti sta seguendo per qualche consiglio. Ci sono donne che infatti non hanno mai visto la palestra e spaventate dai cambiamenti fisici, decidono di intraprenderla proprio durante il difficile periodo della gravidanza. In secondo luogo, dopo aver consultato il ginecologo è bene sentire un personal trainer che abbia esperienza con l’allenamento in gravidanza. Fatti consigliare da qualche tua amica che è già stata seguita oppure cerca sul web, tenendo conto delle testimonianze e delle recensioni (facendo attenzione a che non siano smaccatamente false). Se non verrai seguita costantemente dal personal trainer, chiedi comunque consiglio per sapere se stai svolgendo correttamente gli esercizi.

Usa una tecnica di sollevamento adeguata che non sforzi eccessivamente la muscolatura. Non usare manubri e bilancieri troppo pesanti, non ha assolutamente senso. Se devi fare massa muscolare in genere è consigliato di aumentare il peso e rallentare il movimento, ma se stati tonificando meglio tenersi più leggeri, andando regolari. Inizia con serie più leggere in modo da non caricare troppo le articolazioni. Se avverti un dolore non riconducibile al mero sforzo fisico, modifica il movimento.

Quando si è incinta una parte da tenere sotto controllo è la schiena. Quando ti sdrai con la schiena a terra e sollevi i manubri il peso dell’utero comprime l’arteria principale portando a una diminuzione della pressione sanguigna, che significa meno sangue anche per il bambino (cioè meno nutrienti). Dal secondo trimestre inclina la panca oppure utilizza dei cuscini per cambiare angolazione della schiena. Evita in tutti i modi di stare sdraiata su una superficie piatta che non permette di inarcare la schiena.

Occhio alla respirazione. Usa una tecnica di respirazione adeguata. Espira durante il sollevamento e inspira nella fase di rilascio. Spesso si è portate a fare il contrario, per fare uno sforzo in apnea, ma bisogna assolutamente evitarlo.

allenamento gravidanza

Se il desiderio è quello di controllare il peso e perdere centimetri sulla pancia ricordati che il dimagrimento per singolo punto non esiste. Il corpo perde grasso in modo proporzionale dai punti di accumulo. Per cui fare 10 km in cyclette rafforza le gambe e i glutei, ma fa perdere peso in modo uniforme da tutto il corpo.

Non fare sforzi eccessivi e riposati durante gli allenamenti con i pesi. Intervalla di almeno 36 ore tra un allenamento e l’altro, meglio se 48 e alternate l’esercizio con un po’ di corpo libero. Non ha assolutamente senso allenarsi per più di 3 volte a settimana.

Ovviamente una maggiore attenzione va posta ai movimenti che si fanno, con cautela, evitando che i pesi entrino in contatto con l’addome, per evitare traumi di tutti i tipi. Dopo aver dato la nascita al proprio figlio non bisogna assolutamente eccedere con gli sforzi, l’alimentazione va sempre controllata a causa dell’allattamento, ma si può pensare a sforzi più mirati e allenamenti aerobici più intensivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, accetti i cookie presenti in esso Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi