Come scegliere le offerte luce e gas

Scegliere le offerte luce e gas a cui affidare le utenze domestiche non è affatto una decisione semplice o immediata, e richiede la valutazione di tanti fattori che vanno ben oltre il costo della materia prima. Per gli utenti del libero mercato, la prima difficoltà è rappresentata dall’ampia scelta di offerte e dall’elevato numero di compagnie che popolano il settore. A questo, si aggiungono le continue variazioni delle condizioni contrattuali e il costante lancio di promozioni davvero interessanti.

Dunque una vera giungla che potrebbe disorientare chi non ha le idee ben chiare e non sa cosa sia meglio scegliere per tagliare i costi delle bollette di luce e gas. Per rendere la scelta delle offerte più semplice si potrà ricorrere all’uso di un comparatore di tariffe, basterà solo inserire alcuni dati in merito ai propri consumi e preferenze di consumo. Per provare uno di questi puoi cliccare su questo link ed effettuare gratuitamente una comparazione sul portale accreditato AGCOM Supermoney.eu.

Se il bisogno di cambiare le offerte di luce e gas nasce dal sospetto di pagare delle bollette troppo elevate e non proporzionali ai consumi reali, allora bisognerà prima verificare che non ci siano problemi o malfunzionamenti ai propri impianti elettrici o di riscaldamento. La seconda ipotesi da verificare è che non ci siano stati errori di fatturazione da parte della compagnia. In questo caso si avrà diritto ad un rimborso per la cifra pagata in eccesso.

Cosa bisogna considerare prima di attivare un’offerta luce e gas?

Escluse tutte le ipotesi precedenti è quindi possibile passare alla valutazione delle tariffe proposte dagli operatori, cercando però di riflettere attentamente sulle proprie esigenze e stili di vita. Un aspetto quest’ultimo sottovalutato, ma estremamente importante. Nel caso delle offerte per l’energia elettrica occorre considerare il costo della componente energia in base alla fascia oraria di utilizzo, scegliendo ad esempio tra un’opzione monoraria e bioraria.

La tariffa bioraria prevede due costi della componente energia diversi in base all’orario di utilizzo dell’energia. In genere le tariffe biorarie per l’energia prevedono due fasce orarie distinte:

  • la prima, F1, va dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 19.00 e prevede un costo più elevato;
  • la seconda, F2, dal lunedì al venerdì, dalle 19.00 alle 8.00, l’intera giornata di sabato, di domenica e festivi e garantisce tariffe più convenienti.

Questa opzione è ideale per coloro che trascorrono la maggior parte della giornata fuori casa, concentrando i consumi di energia solo in serata o durante i weekend. Chi invece registra dei consumi energetici abbastanza omogenei nel corso della giornata e della settimana, potrà optare per una tariffa monoraria.

Ovviamente anche il costo della materia prima sarà fondamentale, infatti rappresenta una componente importante per il costo finale riportato in bolletta. A tal proposito bisogna accertarsi che non si tratti di un’offerta prezzo bloccato, prevedendo un costo dell’energia particolarmente vantaggioso solo per un periodo limitato, che in genere dura 12 o 24 mesi. Meglio dunque informarsi sulla durata della promozione e sulle condizioni che verranno applicate successivamente.

Valutare fonti energetiche alternative

Infine, tra gli aspetti da considerare nella scelta delle offerte di luce e gas rientra anche la tipologia di fonte energetica impiegata. Molte compagnie prevedono tariffe basate sull’impiego di fonti energetiche 100% rinnovabili, in modo da ridurre l’impatto ambientale e garantire una minore emissione di gas inquinanti. Per dare il proprio contributo alla tutela dell’ambiente è possibile adottare dei sistemi energetici green, come impianti fotovoltaici ed eolici domestici.

L’acquisto di questi sistemi è inoltre supportato dagli sgravi fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica, introdotti dall’ultima Legge di Stabilità con l’approvazione degli Ecobonus.

Una soluzione “green” è la scelta ideale per chi vuole abbinare al risparmio in bolletta anche un consumo sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, accetti i cookie presenti in esso Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi