Fotografo di interni: hobby o tecnica?

L'arte di un fotografo di interniLa fotografia nasce dalla necessità di bloccare un istante per sempre. La nostra mente non basta, a tenere i ricordi più belli che col tempo si sbiadiranno sempre più, fino a diventare soltanto una bella sensazione. Ma a quelle sensazioni non potremo associare delle immagini nitide. In questi casi, la fotografia è una grande risorsa anche se in alcune circostanze si rischia di esagerare, come ai concerti per esempio, dove per la troppa voglia di fare una bella foto ad un bel gruppo, si perde un po’ della magia del concerto, senza viverlo al 100%. Ovviamente stiamo parlando dei fotografi amatoriali, che fotografano per passione e non dei professionisti, anche se in realtà i professionisti sono stati sempre degli amatori prima, quindi tutto parte sempre da una passione.

L’altra parte della storia

Ma i fotografi professionisti fanno un altro tipo di lavoro e soprattutto devono trattarlo come un lavoro. Esistono diverse tipologie di fotografie, poiché esistono tanto soggetti da fotografare e se ne aggiungono sempre di nuovi. Ormai tutto può diventare arte, basta inquadrarlo nel modo giusto, con la giusta luce, con il giusto tempo di posa, con la giusta apertura ed è fatta. Anche una stanza ben arredata può diventarlo ed il fotografo di interni fa proprio questo. Può occuparsi della “scena” quindi predisporre tutto come crede sia più consono per il suo occhio fotografico, o può semplicemente arrivare in un bel salotto e decidere di scattare una foto. Il fotografo di interni utilizza un treppiedi per assicurarsi che la foto non sia mossa e la resa sia massima. Spesso il fotografo d’interni per questo tipo di fotografia predilige la sera, quindi la luce sarà parte integrante del lavoro. La luce è una fonte di ispirazione per i fotografi, così spesso si preferisce la foto in notturna anche se più difficile, che una foto scattata in pieno giorno che ha sicuramente bisogno di meno accorgimenti e ha una probabilità di riuscita molto alta.

La luce come fonte d’ispirazione

Il fotografo di interni ama la luce, si fa ispirare dalla luce e così disporrà anche le lampade in maniera impeccabile ed in modo da illuminare bene ciò che vuole porre in risalto e magari giocare anche con le ombre: è la sua opera d’arte e dovrà essere perfetta. Il fotografo d’interni deve essere meticoloso, come tutti i professionisti seri, perché solo così riuscirà a realizzare uno scatto perfetto da ogni punto di vista. Poi, certo, c’è una fase di post-processing in cui perfezionerà ancora di più il suo lavoro, ma spesso si tratta di aggiustare la regolazione dei bianchi o l’esposizione, insomma piccoli difetti che è possibile sistemare. Oppure aumentare la nitidezza per far vedere ancora più dettagli, ancora più particolari. Per fare un fotografo bisogna essere ispirati dalla bellezza e lasciarsi catturare da essa, sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, accetti i cookie presenti in esso Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi