Neurite ottica: cos’è e quali sono i sintomi a cui bisogna stare attenti

Per neurite ottica si intende un’infiammazione del nervo ottico. Solitamente, i sintomi si verificano ad un solo occhio e provocano dolori e fastidi oppure la perdita della vista. Solitamente, a soffrire di neurite ottica, sono i soggetti tra i 20 ed i 40 anni, e solitamente si risolve in autonomia, quando si agisce sulla malattia principale che la causa. Infatti, la neurite ottica ha diverse cause scatenanti, come le malattie infettive (HIV, sifilide, encefalite virale, sinusite, meningite ecc.); metastasi neoplastiche presenti sulle fibre del nervo ottico, l’utilizzo di prodotti chimici e farmaci che potrebbero essere dannosi, come il piombo, il metanolo, l’arsenico ed altri. Alcune cause più rare, invece, comprendono il diabete, le malattie autoimmuni, alcuni traumi oppure le punture d’ape.

Sintomi della neurite

La neurite si manifesta principalmente con la perdita della vista, che può essere un piccolo scotoma (difetto del capo visivo relativo ad un’area dell’occhio) fino alla perdita totale della vista. Inoltre, i pazienti avvertono dolori che, nella maggior parte dei casi, sono lievi ma intensificati con il movimento oculare. Altri neurite ottica sintomi molto frequenti sono gli aloni quando si osserva una fonte luminosa, una visione alterata dei colori, episodi di cecità notturna, restringimento del campo visivo, fotofobia (fastidio provocato dalla luce), sanguinamento oculare, ecc. In genere, la vista peggiora in maniera significativa in un occhio, fino a peggiorare con l’aumentare della temperatura corporea, ad esempio, dopo aver praticato attività fisica.

Le possibili complicazioni della neurite ottica

Se non curata in modo adeguato la neurite potrebbe degenerare e comportare alcune complicazioni serie. Tra di esse c’è la costante diminuzione dell’acuità visiva, è possibile altresì che si manifestino degli importanti danni al nervo ottico. Le complicazioni possono essere anche degli effetti cosiddetti collaterali della cura, l’utilizzo prolungato dei farmaci pensati per curare la neurite, può causare l’osteoporosi (assottigliamento delle ossa) ed esporre così l’organismo a possibili virus.

Come diagnosticare la neurite ottica

In genere sono tre i segni clinici che permettono al medico di diagnosticare questa patologia degli occhi, ovvero: riduzione della vista, dolore agli occhi (non necessariamente costante) ed alterazione della percezione dei colori. Se si possiedono tutti e tre questi disturbi allora è consigliabile sottoporsi ad una visita sia oculistica che neurologica, entrambe infatti risultano essere fondamentali per effettuare una diagnosi precisa della patologia. Per sapere se si soffre di questo disturbo oculare il professionista può effettuare diversi test, quello più semplice ed intuitivo è certamente l’esame della vista. Un’altra visita utile in tal senso è sicuramente quella oftalmologica. Lo scopo infatti è quello di esaminare attentamente le strutture presenti nel cosiddetto fondo oculare (parte posteriore dell’occhio) mediante un apposito strumento (l’oftalmoscopio appunto). In genere l’oculista tenderà ad osservare con particolare attenzione il disco ottico e il nervo ottico per controllare eventuali anomalie. Un atro test particolarmente utile all’ottico è il controllo del riflesso della pupilla alla luce. L’esame si basa sostanzialmente sul controllo dell’integrità delle funzioni sensitive e motorie dell’occhio. Questo è possibile grazie alla valutazione dei tempi di reazione della pupilla alla luce esposta sugli occhi (normalmente il test prevede l’utilizzo di una piccola lampada).

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Continuando a navigare accetti le disposizioni sui cookies più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi