Rimini sposa il plastic free per un’estate più ecologica

Rimini è in Italia ancora la meta più famosa per le vacanze e il divertimento. La città romagnola, fulcro della celebre riviera, negli anni è riuscita a divenire il centro turistico per eccellenza in Italia, riuscendo a sopperire al “difetto” di un mare per conformità naturali sicuramente non tra i più belli d’Italia con tante attività di divertimento.

Ma una vera Regina sa sempre adattarsi e rinnovarsi. E se nei tempi recenti Rimini ha iniziato a puntare non solo al divertimento più spicciolo dato dalle discoteche e dall’animazione, ma anche a quello culturale, rivalorizzando il suo centro Storico (e infatti i turisti sono aumentati leggermente anche d’Inverno) e al suo entroterra, quest’anno ha fatto un ulteriore passo in avanti, sposando la causa ecologica e dimostrando l’attenzione delle sue istituzioni alla modernità e all’ambiente.

È così che quindi Rimini e le sue spiagge diventano plastic free.

Addio alla plastica, e anche al fumo

La spiaggia di Rimini del 2019 vieta la plastica e si libera del fumo passivo, è più accessibile ed è connessa al digitale. Ma aumenta anche l’offerta di sport e di benessere, sconta le tariffe per il parcheggio, addirittura rimborsa il biglietto del treno. I turisti quest’anno stanno trovando tutte queste novità nei circa 15km su cui si sviluppano le spiagge di Rimini.

Spiccano naturalmente le misure dell’ordinanza di balneazione che vietano dal 1 Luglio l’uso della plastica monouso. In spiaggia è infatti concesso solamente l’utilizzo di bicchieri e cannucce di carta o materiali comunque compostabili e riutilizzabili.

Ma spicca anche il divieto di fumare in battigia, unitamente all’aumento dei servizi in spiaggia con l’aggregazione degli stabilimenti che quest’anno propongono lezioni di beach tennis, zumba, beach volley, aerobica, calcio, nonché suite in riva al mare e ristorazione sotto l’ombrellone.

Sull’esempio di BélaBurdéla della frazione di Torre Pedrera, primo passo del progetto di Riqualificazione del Lungomare di Rimini, adesso c’è il Bagno Belvedere di Marina Centro, uno stabilimento ecologico inaugurato l’8 Giugno. E ci sono anche grandi ritorni come il Boabay che vede scivoli gonfiabili in mare e il Rimini Island, la piscina naturale promossa con il simpatico hashtag #vatatufè.

Tra gli sport c’è la novità del Teqball, che unisce calcio e Ping Pong e che si può giocare a Marebello, presso il bagno Coco Beach 106B. Si segnala anche No Gravity Yoga, una novità nel fitness che come dice il nome si pratica con gravità quasi completamente assente. E poi il Beach Nordic Walking, ovvero passeggiata in acqua da caviglia a polpaccio per allenare i muscoli e che parte dal celeberrimo Bagno 26.

L’accessibilità è importante

Come accennato inizialmente, quest’anno Rimini cerca di avere spiagge più accessibili e infatti cresce il numero di stabilimenti con sguardo ai diversamente abili. Sono stati installati dei pavimenti tattili o passerelle trasversali per non vedenti e ipovedenti al Bagno 27 di Marina Centro, e ci sono anche dei lettini rialzati motorizzati.

E c’è l’iniziativa Al mare in treno, che vede un rimborso del biglietto per i turisti che sfrutteranno Trenitalia e che soggiorneranno per almeno una settimana negli Hotel convenzionati con questa iniziativa. Mentre per la sosta auto, grazie a EasyPark si possono acquistare dei pacchetti di sosta specifici per i bagnanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, accetti i cookie presenti in esso Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi