Terapia ormonale sostitutiva, salute mentale e menopausa

La mezza età è un momento della vita in cui a volte ci si può sentire stanchi ed esauriti dalle lotte e dalle sfide quotidiane finora affrontate.

Secondo uno studio recente dell’americano National Bureau of Economic Research la “crisi di mezza età” è lungi dal mito. Circa 1,3 milioni di persone in 51 paesi la attraversano.

Per quanto riguarda le donne, la crisi di mezza età coincide anche con l’arrivo della menopausa e ci si pone il problema di quanto il calo ormonale influenzi la salute mentale e l’umore della donna. È quindi importante saper attraversare con serenità questa importante fase della vita di ogni donna, senza farsi prendere dallo sconforto, o peggio dalla depressione.

Non serve rimpiangere il passato. Occorre, quindi, concentrarsi sul presente per trovare la felicità nella vita attuale, accettandosi come donna che invecchia naturalmente.

Malinconia e sbalzi di umore possono caratterizzare la menopausa. Si possono verificare disturbi della memoria e cognitivi.

Ci capita di sentire donne che in questa fase raccontano di trovarsi in una stanza e non ricordarsi più il perché, di non ricordarsi termini e parole, di dimenticare appuntamenti. Sono piccoli segnali che segnalano il tempo che passa, e indicano l’inizio di una nuova fase nella vita delle donne. La menopausa non è solo vampate, insonnia o atrofia vaginale ma anche un disagio mentale.

Ma i rimedi ci sono. Allora che fare?

La terapia ormonale può aiutare?

Si. La terapia ormonale sostitutiva aiuta la salute mentale delle donne e le sue funzioni, specie se iniziata subito dopo la menopausa. In particolare migliora la salute emotiva, regolando i livelli di ansia e di depressione.

Nelle donne, gli ormoni femminili (estrogeni e progesterone) influenzano lo sviluppo del cervello a partire dallo sviluppo prenatale: controllano la crescita dei neuroni, il processo delle sinapsi, la formazione della mielina e la plasticità, ovvero la base neuronale del processo di apprendimento.

Inoltre, nel cervello, l’ippocampo (la regione legata all’immagazzinamento dei ricordi) contiene alti livelli di recettori per gli estrogeni e il progesterone. Ergo, variazioni dei livelli ormonali nel corso della vita della donna si riflettono sulla funzionalità del cervello.

Generalmente le donne che fanno una terapia ormonale personalizzata hanno un umore migliore, sono più allegre, attive e meno ansiose.

Secondo alcuni esperti, la terapia ormonale sostitutiva, intervenendo sull’ipotalamo, migliora anche la qualità del sonno, riduce le vampate e sudorazioni e contrasta la tendenza all’ipertensione e all’aumento di peso. Dormire bene aiuta il benessere generale e la memoria e allontana lo spettro della depressione.

Tuttavia, le conclusioni sugli effetti benefici della terapia ormonale sostitutiva non sono definitive: alcuni studi hanno concluso che questa migliori la memoria e gli altri aspetti cognitivi, altri studi suggeriscono invece che non abbia alcun effetto o possa averne uno negativo sulle facoltà cognitive.

Le perdite di memoria sono reali in menopausa?

Non solo sono reali ma sono anche documentate scientificamente. Capita spesso di dire in questa fase “non mi ricordo più niente” e questa frase corrisponde alla percezione da parte della donna in menopausa di un peggioramento della memoria.

L’impatto della menopausa sulla memoria era già stato esplorato nel 2012 da un gruppo di ricercatori del Rochester Medical Center e dell’Università dell’Illinois a Chicago, che avevano mostrato che nel primo anno post-menopausa le donne avevano risultati significativamente peggiori nei compiti di apprendimento verbale, della memoria, nell’attenzione, rispetto alle donne non ancora in menopausa. La conclusione dello studio è stata quindi quella di confermare come il calo ormonale durante la menopausa giochi un ruolo significativo nella regolazione dei circuiti della memoria, già nelle prime fasi del processo di invecchiamento.

Ecco perché in certi casi la terapia ormonale sostitutiva può aiutare a compensare lo squilibrio ormonale e migliora la capacità di ricordare e di conseguenza anche l’umore. Si invecchia meglio anche da un punto di vista mentale.

Oltre alla terapia ormonale quali consigli da adottare nello stile di vita per avere un buon umore, migliorare la memoria e le capacità cognitive in menopausa?

  • Dormire almeno 7/8 ore al giorno
  • Fare attività fisica quotidiana (meglio se all’aria aperta)
  • Fare una dieta sana e leggera, evitando zuccheri e grassi
  • Mantenersi attive socialmente, curare gli affetti in famiglia e fuori
  • Ridere in compagnia e magari ballare o frequentare un corso di ballo che unisce al movimento il piacere della compagnia
  • Leggere, avere interesse per cose nuove, imparare sempre nuovi compiti, uno strumento musicale o una lingua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, accetti i cookie presenti in esso Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi