Il trasporto dei farmaci: come funziona

Per il trasporto dei medicinali e delle sostanze farmacologiche, l’Unione Europea ha previsto un disciplinare volto a mantenere la qualità dei farmaci lungo il trasporto. Per questo motivo a compiere questo delicato percorso di presa in consegna e arrivo alla destinazione, sono necessarie competenza ed esperienza che solo determinate aziende possono garantire. Il trasporto dei farmaci a temperatura controllata, infatti, richiede attenzione, e l’impiego di mezzi e personale adeguato.


Per quanto riguarda le linee scientifiche, un’azienda impegnata nel trasporto di sostanze farmacologicamente attive, la cui conservazione a determinate temperature vitale, oltre a dover raccogliere tutte le autorizzazioni e le certificazioni sanitarie del caso deve anche osservare queste regole di qualità che non possono essere ignorate quando si affida un carico:

  • la qualità deve essere garantita a ogni livello del processo di trasporto. Da chi lo mette in atto a chi emana le certificazioni o chi ne ha cura per ottenerle.
  • ogni materiale attivo dev’essere correttamente documentato in modo che chiunque lavori al processo di trasporto, dallo scaricatore all’autista, sappia perfettamente con cosa a che fare, in modo che assicuri la stessa qualità richiesta in laboratorio col trattamento di sostanze attive.
    la qualità deve permeare ogni fase del processo di lavorazione. Tutti i controlli, le documentazioni, l’acquisizione di informazioni devono essere leggibili, documentabili e messe a disposizione per qualsiasi evenienza.
  • ogni fase del processo dev’essere registrata accuratamente nel tempo in cui è stata appena definita.
  • questa registrazione serve anche per notificare le amministrazioni o le autorità competenti al controllo del carico, per verificare che sia tutto conforme alla legge.
  • il personale coinvolto dev’essere all’altezza del compito: personale esperto, che abbia già trattato questo tipo di trasporto è preferibile.
  • il personale dev’essere addestrato a fronteggiare ogni evenienza, con la formazione e l’addestramento continui durante il periodo di lavoro.
  • l’igiene del personale e del mezzo di trasporto (container) è necessaria e indispensabile, per cui rientra nella valutazione del personale anche la buona abitudine a un’igiene personale superiore allo standard.
  • in particolare durante il trasporto di elementi farmacologicamente attivi il personale deve indossare abiti puliti o comunque una divisa da lavoro compatibile con le mansioni assegnate. Se sono necessarie delle protezioni addizionali, queste devono essere tali da prevenire ogni forma di contaminazione.
  • il personale addetto alla movimentazione dei farmaci attivi non deve fumare, bere, mangiare laddove si stiano effettuando operazioni di carico, deposito, scarico, consegna, per evitare ogni genere di contaminazioni, mantenendo le aree di riposo (anche le finestre temporali) separate da quelle di lavoro.
  • L’azienda che effettua questi trasporti deve possedere mezzi e locali adatti allo smistamento e la conservazione temporanea dei medicinali.

Per assicurare questo genere di servizi, spesso le aziende devono ricevere speciali autorizzazioni dalle regioni, che sono le autorità sanitarie indicate dalla legge ai controlli e alla concessione. Per il trasporto in particolare di farmaci attivi servono locali adatti alla conservazione delle merci, dal momento che l’intero percorso viene tracciato minuto per minuto e che ogni fase dev’essere assolutamente verificata e verificabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Continuando a usare questo sito, accetti i cookie presenti in esso Più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi