Guida alla scelta del tagliaerba

Hai intenzione di comprare un tagliaerba ma sei indeciso sul modello da scegliere? Abbiamo chiesto qualche consiglio in merito al team di oleomac.it. Prima, però, scopriamo la realtà di Oleo-Mac.

Che cos’è Oleo-Mac? Parlateci del vostro sito.

Oleo-Mac è un e-commerce che fa parte dell’universo di Emak. Cliccando su https://www.oleomac.it/it-it/c/prodotti/tagliaerba/ è possibile scoprire il catalogo dei tagliaerba in vendita, ma il nostro assortimento è molto più ampio e comprende molti altri tipi di macchine, come i decespugliatori, i trattorini, le motoseghe, le motozappe, e così via. Emak include 4 marchi commerciali per un totale di più di 250 modelli. Chi compra su Oleo-Mac, tra l’altro, ha la possibilità di beneficiare della spedizione gratuita spendendo più di 50 euro (un’offerta che riguarda tutti i prodotti presenti in catalogo a parte i trattorini).

Eccoci, allora: come si fa a scegliere il tagliaerba più adatto ai propri bisogni?

Uno degli aspetti che devono essere presi in considerazione riguarda il tipo di manutenzione che si deve effettuare sul dispositivo e i costi correlati. Un modello poco costoso, per esempio, ha bisogno di una manutenzione ridotta, dal momento che include un numero limitato di meccanismi e di elementi che devono funzionare; al tempo stesso, però, è probabile che si tratti di componenti di qualità più bassa, e che quindi hanno bisogno di essere sostituiti più spesso. Le operazioni di manutenzione, d’altro canto, sono più frequenti per un tagliaerba con un meccanismo a trazione semovente, con il sistema mulching o con il motore a scoppio. Ovviamente, più la manutenzione è regolare ed eseguita in modo corretto e più si può essere certi di risparmiare, perché si può usufruire di un dispositivo che anche a distanza di anni conserva la necessaria efficienza.

Quali altri aspetti vanno valutati?

Al di là del rapporto qualità prezzo, che deve essere il più possibile vantaggioso, per trovare il tagliaerba giusto si deve pensare anche alla conformazione del giardino e alla sua estensione. Nel caso in cui si abbia a che fare con un terreno dalla metratura limitata e che non presenta rilievi o sbalzi particolari, si può optare per il tradizionale tagliaerba a spinta, che fa della comodità il proprio punto di forza: per usarlo e movimentarlo è richiesto uno sforzo minimo, che rende lo sfalcio decisamente agevole. Viceversa, un tagliaerba a trazione dovrebbe essere preferito in tutti i casi in cui si deve lavorare su giardino o parchi con una estensione più ampia, a maggior ragione se caratterizzati da saliscendi, avvallamenti e dossi. Un attrezzo di questo tipo presenta un meccanismo semovente delle ruote per effetto del quale la spinta risulta agevolata: insomma, non bisogna fare altro che direzionare la macchina nei punti che devono essere sfalciati.

Ci sono differenze dal punto di vista economico?

Come si può immaginare, il costo richiesto da un rasaerba a trazione è più alto; è bene tener presente, inoltre, che un dispositivo di questo genere richiede una manutenzione più attenta e meticolosa. D’altro canto, questa è la soluzione a cui si deve fare riferimento in presenza di terreni con un gran numero di salite e di discese. I tosaerba a batteria sono da privilegiare quando non ci si vuole far distrarre dalla scomodità del cavo. In effetti, la presenza di un filo a lungo andare può complicare le operazioni di rasatura o comunque renderle più lente e più sgradevoli, anche perché si deve sempre accertarsi che l’attrezzo non calpesti il cavo stesso.

Che benefici offre un tagliaerba a batteria?

In primis, ci si può spostare come e dove si vuole, dal momento che il raggio di azione non è condizionato dalla lunghezza del cavo. Ovviamente, però, è importante orientarsi su una batteria che sia in grado di assicurare una durata di carica idonea e appropriata in base alla superficie su cui bisogna lavorare. Prima di ogni utilizzo, ci si deve ricordare di mantenere il dispositivo in carica per qualche ora.

E i tosaerba a motore a scoppio?

Questi sono consigliati solo ai professionisti, perché a fronte di performance migliori comportano dei costi più elevati. Costi che dipendono non solo dal prezzo iniziale, ma anche dalle spese di gestione che riguardano la manutenzione dei componenti e il costo del carburante.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Continuando a navigare accetti le disposizioni sui cookies più informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi